30 Ottobre 2000

 

Elios Holding rileva GNT e ElioSat per sviluppare la rete della Onion

Milano. Elios Holding, la società d'investimenti di Carlo Corba Colombo, quotata al Ristretto, ha acquisito il controllo di due società di Tlc - la Gnt e la ElioSat - continuando a rafforzarsi nella New Economy.

La Gnt è un'impresa tedesca di telefonia fissa (voce-dati) che concluderà l'anno con 106 miliardi di giro d'affari e quasi 4 di utile operativo. Elios ne rileverà il 50,1% tramite un aumento di capitale, spendendo 16 miliardi. Ieri è stata versata la prima tranche del pagamento: 3 miliardi. Gnt sarà integrata nell'Onion, divenendone il braccio operativo per la Germania. Onion, da poco acquisita da Elios, è un network per la rivendita di traffico telefonico, con una sede a Londra, una in Italia (la Onion S.p.a., di cui è azionista col 25% il fondo Kiwi di Elserino Piol e Oliver Novick) e un'altra negli Usa, "dove intendiamo costruire alleanze per svilupparci", dichiara Corba Colombo.

Eliosat, invece, è una società di trasmissione dati via satellite in fase di avvio (fattura 3 miliardi) e andrà ad arricchire l'offerta di Onion nel campo della ricezione dati in tempo reale tramite l'utilizzo di Internet via satellite. È stata acquistata per 6 miliardi.

Per mandare in porto le due operazioni, Elios ha ottenuto un finanziamento-ponte rimborsabile in 18 mesi di 30 miliardi. Gli 8 miliardi non ancora spesi dovrebbero essere investiti entro fine anno nell'acquisto di due imprese italiane di servizi via Internet (nel settore Elios Holding è già presente con alcune partecipazioni in Wing, R&R, Yes, Eurotrade e Redesign).

La Elios a questo punto dovrebbe concludere l'anno con un fatturato consolidato di 25 miliardi, ai quali andranno a sommarsi presto altri cento miliardi per effetto delle ultime acquisizioni. "Ma già a fine 2001 - dice Corba Colombo - prevediamo di raggiungere un giro d'affari di 250 miliardi che ci darà le dimensioni per poterci quotare al Nuovo Mercato. Elios concluderà il 2000 con un piccolo utile, che sarà significativo nel 2001". Il consiglio d'amministrazione ha intanto approvato i dati al 30 giugno. L'utile netto della capogruppo è stato di 1,902 miliardi, mentre quello consolidato è stato di 2,179 miliardi. Il patrimonio netto consolidato ha raggiunto i 93 miliardi.